Istanbul, la metropoli che ama i gatti

Istanbul, la metropoli che ama i gatti

Istanbul è il regno incontrastato dei gatti. Chiunque vi sia stato si sarà imbattuto in decine di felini. Sono ovunque.
Raggomitolati sulle sedie dei café, tra gli scaffali dei negozi, a sonnecchiare sulle moto o sulle auto, in mostra nelle vetrine, a rubare carezze sulle panche alla fermata degli autobus e persino nelle moschee.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simona (@viaggiacomeilvento)


Pare che ce ne siano tra i 150 ed i 200 mila. E parliamo solo dei gatti di strada! Tutti curati e coccolati dagli abitanti che, soprattutto in inverno, disseminano la metropoli di cucce e ciotole di cibo ed acqua per gli amati felini. Ci sono persino sei cliniche veterinarie per animali di strada ma, anche se non ci fossero, trovereste comunque qualcuno pronto a pagare di tasca propria il veterinario quando sono feriti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cats of Istanbul (@catsofistanbul)

I gatti di Istanbul sono di tutti e di nessuno allo stesso tempo. Liberi ed indipendenti come loro sanno essere ma al tempo stesso protetti e sicuri tra gli umani.
Certo, ci sono anche tanti cani randagi, tutti microchippati eh, ma nei loro confronti manca quello sguardo innamorato e riverente che ha elevato i mici a sultani di Istanbul.

via GIPHY

Che siano i gatti a possedere la città e che gli umani siano solo ospiti tollerati in quanto elargitori di cibo
, ne ho avuto la definitiva conferma il giorno in cui, scendendo a fare colazione, ne ho incontrato uno che passeggiava con nonchalance tra le scale dell’hotel.

In tanti anni di soggiorno nello stesso albergo nessuno dei gatti che vivono intorno aveva mai osato affrontare lo sguardo vigile del portiere all’ingresso.
Ahhh, ma i gatti la sanno lunga e lentamente possono far capitolare chiunque.

Istanbul cat

L’ho ritrovato poco dopo, bello appallottolato e con uno sguardo sornione sulla panchina accanto all’ingresso ad oziare.
Lui, il boss dell’hotel, che nei giorni in cui vi ho alloggiato, ha passato il tempo a strusciarsi tra le gambe degli ospiti in attesa di un taxi o usciti per il tempo di una sigaretta sotto gli occhi divertiti del portiere.

Istanbul cat

Istanbul, la metropoli che ama i gatti

Quando nasce il legame?

Quello tra i gatti ed Istanbul è un legame antichissimo che risale all’epoca bizantina e sono i ritrovamenti archeologici a dircelo.
Se ne parla in un interessante capitolo in
The Passenger – Turchia sugli scavi nei cantieri della metropolitana marina di Yenikapı e Marmaray avvenuti ad Istanbul tra il 2004 ed il 2014 che hanno portato alla luce tesori archeologici di inestimabile valore oltre ad aver letteralmente riscritto la storia della metropoli turca.

Istanbul Turchia

Tra i tanti ritrovamenti emersi durante gli scavi ci sono scheletri di gatti ed altri animali risalenti all’era bizantina. Cosa ci dicono di interessante i resti rinvenuti?
Che i felini vivevano in buone condizioni e che erano ben tenuti.  Uno degli scheletri testimoniava infatti che il gatto si era fratturato il femore e che questo era stato curato.

E così, mentre in Europa i gatti venivano sterminati in quanto ritenuti vettori della peste ed in combutta col diavolo, lasciando così campo libero ai topi ed alla pestilenza, ad Istanbul venivano curati e nutriti.

Istanbul diventa il regno dei gatti

A rendere la metropoli turca la capitale del regno dei gatti ha sicuramente contribuito la sua antica storia portuale.
Le navi mercantili giungevano nei porti di Istanbul cariche non solo di mercanzia ma anche di gatti per tenere i topi lontani dalle derrate alimentari. I gatti, così come i marinai, scendevano a terra mescolandosi letteralmente con la popolazione felina locale.

Furono arrivi provvidenziali, soprattutto quando gli ottomani costruirono i primi sistemi fognari ed i gatti si rivelarono ancora una volta utili per cacciare i roditori.
E poco alla volta divennero familiari anche nelle biblioteche e nelle abitazioni sempre allo scopo di tenere lontani i topi, noti sgranocchiatori di carta e di legno oltre che di cibo.
Brutta la vita per i topi ad Istanbul insomma.

mancacı

Mancacı per le strade di Istanbul
Foto presa dal web

In epoca ottomana i gatti divennero definitivamente parte integrante del tessuto cittadino. Venne istituita la figura dei mancacı che avevano il compito di nutrire gatti e cani randagi. I gattari in versione ottomana per capirci.

I mancacı sono tornati durante il primo lockdown del 2020 sotto forma di addetti comunali. Con gli abitanti costretti in casa, i ristoranti chiusi e l’assenza di turisti le amministrazioni dei vari distretti di Istanbul si sono preoccupate di fornire acqua e cibo agli animali di strada.

Cats of Istanbul

Un addetto del comune nel Fenerbahçe Park durante il lockdown
Foto di Yasin Akgul

I sultani adoravano i gatti.
Primo fra tutti Adbulhamid ll che si narra avesse nel palazzo di Yildiz 1500 gatti.
Il suo preferito era un gatto d’Angora bianco dal nome Ağa Efendi che pare si fosse talmente immedesimato nel ruolo di felino reale da mangiare solo se imboccato con una forchetta.

via GIPHY

I gatti e l’Islam

Se uccidi un gatto e vuoi evitare l’inferno, devi costruire una moschea per essere perdonato da Dio

Recita più o meno così uno dei tanti detti turchi.

I gatti hanno un rapporto privilegiato con l’Islam. Non sono considerati impuri e difatti non di rado si possono vedere gironzolare indisturbati nelle moschee anche durante la preghiera.

Dalla pagina facebook dell’imam della moschea Aziz Mahmud Hüdayi

Hanno fatto il giro del mondo qualche anno fa le immagini dell’imam della storica moschea Aziz Mahmud Hüdayi nel distretto di Üsküdar che coccola dei gattini.
Portati nel luogo di culto dalla mamma, uno alla volta per la calotta, ne sono diventati gli ospiti speciali ed ora potete vederli rotolarsi sul pavimento accanto ai fedeli durante la preghiera.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kedigiller (@kedigiller_)


Per 16 anni una gattona strabica di nome Gli è stata la regina indiscussa di Hagia Sofia.

Una influencer da 120 mila follower su Instagram, ricercatissima per una foto da chiunque visitasse lo storico luogo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ayasofya Kedisi Gli (@hagiasophiacat)

Una tale star da rubare letteralmente la scena ad Obama durante la sua visita a Santa Sofia nel 2009. L’allora presidente degli USA non potè fare altro che tributare gli onori a sua maestà Gli come tutti i comuni mortali.

La gattona è venuta a mancare a novembre del 2020 poco dopo il ritorno di Hagia Sofia a moschea e della sua morte ne hanno dato il triste annuncio testate giornalistiche e persino il governatore di Istanbul sul suo profilo twitter.

I gatti come segno di fede

Lo stesso Maometto aveva una passione per i gatti espressa anche in un suo hadith: “L’affetto per i gatti fa parte della fede”.
E tante sono le storie che riguardano i felini ed il profeta che, tra l’altro, aveva una gatta di nome Muezza che teneva in braccio ed accarezzava anche mentre predicava.

Le storie delle affinità tra Maometto ed i gatti hanno contribuito indubbiamente ad elevare al rango di star questi morbidi pelosetti.

Si narra che un gatto abbia salvato il profeta dal morso di un serpente e che questi l’abbia accarezzato sulla schiena donando all’animale la capacità di atterrare sempre sulle quattro zampe ma anche che una volta, piuttosto che svegliare un gatto che si era addormentato sulla manica della sua veste, Maometto abbia preferito tagliarla.

Prossimo passo Hollywood?

Ok, forse sto esagerando un tantino ma dovete sapere che sui gatti di Istanbul è stato girato anche un docufilm che ha partecipato a diversi festival internazionali.

Kedi, che in turco vuol dire proprio gatto, è il nome di questo documentario che ritrae la vita di sette delle migliaia di gatti che vivono tra le strade di Istanbul e racconta la perfetta integrazione con l’ambiente e le persone che si prendono cura di loro.
Una storia di amicizia e di amore reale che ha consolidato ancora di più l’idea di Istanbul quale città dei gatti per antonomasia.

Manifesto del film Kedi

Il manifesto ufficiale del film Kedi


Non è un documentario naturalistico ma un viaggio nella vita e nelle personalità dei gatti raccontati sullo sfondo di una Istanbul come non l’avete mai vista.

C’è la gelosa Psikopat, nome omen, che fa passare l’inferno al povero compagno non appena si avvicinano altre gatte o il giovane Deniz che stazione tra le bancarelle del mercato di Feriköy. C’è anche il gourmand Duman, amante del buon cibo, a cui basta dare una zampettina alla vetrina per ottenere prelibatezze dai ristoratori.

Istanbul, la metropoli che ama i gatti

Dove incontrarli ad Istanbul

Per trovare i gatti ad Istanbul non bisogna fare grandi sforzi, anzi! Potete essere più che sicuri che saranno loro a trovare voi non appena vi siederete in un qualsiasi café o ristorante all’aperto.
In men che non si dica ve li ritroverete a strusciarsi tra le gambe per estorcervi subdolamente cibo con il loro tenero sguardo.

Istanbul cat

Tenero gattino che mi estorce cibo a Florya

I gatti del Ponte di Galata

Se volete però andare sul sicuro (e godervi anche un panorama tra i più suggestivi della città) potete affacciarvi sul Ponte di Galata che collega la Istanbul ottomana con i suoi palazzi imperiali, il centro storico e le antiche moschee, al distretto di Beyoğlu.

Istanbul

È qui che, sorseggiando un çay ed addentando un simit con vista sui minareti e sul via vai di traghetti, potrete osservare i gatti che furbescamente scivolano tra le gambe delle centinaia di pescatori, stipati spalla a spalla sul ponte con le canne da pesca, per poi fuggire con acciughe orgogliosamente strette tra i denti.

I parchi dei gatti

Nel distretto di Kadiköy nella Istanbul asiatica c’è un delizioso parco che si estende lungo la riva del Mar di Marmara. È il Fenerbahçe Park, luogo amato dai residenti per trascorrere giornate di relax nei tanti café in riva al mare e fare pic nic. A renderlo famoso non è solo il fatto di essere un’oasi silenziosa ma anche di essere popolato da decine di socievoli gatti, tanto da essere chiamato anche il parco dei gatti.

Nell’elegante quartiere di Nişantaşı, l’unico tra l’altro con una funivia ad Istanbul, si trova invece il Maçka Park, uno dei più grandi spazi verdi della zona in cui spesso si tengono concerti. Circondati da busti di governanti e sultani ed alberi secolari vi basterà sedervi su una panchina affinchè uno tra le dozzine e dozzine di gatti che popolano il parco vi sieda sulle gambe.

Il gatto icona

A Ziverbey sempre nel distretto di Kadiköy potete trovare la statua in bronzo in onore di Tombili, la gatta del quartiere divenuta famosa per una curiosa foto che la ritraeva nella versione felina di Paolina Bonaparte del Canova.

Gli abitanti del quartiere alla sua morte hanno voluto ricordarla in quella posa rilassata e strafottente che era il suo segno distintivo.
Dicono che i gatti abbiano sette vite, ma alcuni gatti, Tombili docet, vivono per sempre.